Risvegliare la consapevolezza del passeggero – 15-16Ago 2020

- Corso di Alokanand Diaz -

traduzione simultanea italiana Federico Lupica

"La comprensione della psicologia umana attraverso l’intrinseca dualità di una struttura meccanica che possa essere spiegata logicamente è una possibilità che mi ha sempre affascinato, e questo è anche il motivo più ovvio dietro al potere di seduzione che la conoscenza dello Human Design System ha avuto su di me fin dall’inizio della mia carriera nel 1993.

Vista da una prospettiva meccanica, la personalità umana non dovrebbe essere appesantita della responsabilità riguardo alla propria condizione materiale in questa vita, il contrario di ciò è all’origine della distorsione generale ed omogeneizzata sofferenza che possiamo vedere ovunque su questo pianeta. Ogni personalità umana ha lo stesso potenziale per trovare appagamento nella realizzazione del proprio potenziale di consapevolezza auto-riflessa. Ovvero il potenziale per riconoscere sé stessi contemporaneamente come la ‘parte’ e il ‘tutto’.

Questo è ciò che siamo tutti nel nostro individuale potenziale di consapevolezza; un ponte singolarmente conscio tra la terra e il cielo, tra lo spirito e la forma. Tuttavia, l’unico modo in cui possiamo esprimere questa percezione agli altri è attraverso il campo di proiezioni creato dalla mente e l’uso del linguaggio, che ci apre ad un inevitabile mondo di soggettività senza fine. La maggior parte degli esseri umani sperimentano la vita delle proprie personalità rinchiusi nei propri labirinti mentali “interiori”, cercando un modo per uscirne mentre riproducono gli stessi vecchi sentimenti che si vennero a creare nei traumi e nei condizionamenti della propria infanzia, e non hanno mai una autentica possibilità di risvegliarsi dalla sofferenza innecessaria che la mente del non-sé crea come abitudine. In cerca dell’oggettività e al fine di eliminare la propria fondamentale soggettività, la personalità impara a rimanere focalizzata sulle stesse forze esterne che hanno condizionato la sua percezione fin dall’inizio della sua vita attraverso l’apertura nel disegno individuale. Questo stato di profonda identificazione con ciò che non è naturale per ciascuno è mantenuto al suo posto da forze “nascoste” che distorcono la nostra percezione conscia di “chi pensiamo di essere”, ”accecandoci” alla nostra stessa soggettività mentre possiamo riconoscere perfettamente la profonda soggettività in qualunque altra persona.

La forza che mantiene l’attenzione conscia della personalità lontano da sé stessa, ossessionata da scelte impossibili che le permetterebbero di armonizzare il condizionamento ricevuto attraverso i propri centri aperti è chiamata “trasferenza del colore”, e opera come un meccanismo della nostra cognizione al di sotto della superficie dell’Esagramma e della Linea.

Una volta che un individuo smette di essere mosso dalla mente ed inizia ad operare in accordo alla propria natura, seguendo Strategia e Autorità Interna nello stabilire il proprio movimento nella vita, il cervello inizia immediatamente a riallineare il corpo, sintonizzare i propri sensi alla loro naturale sensibilità e determinazione biochimica. Questo interrompe il fenomeno della trasferenza dal disegno in modo irreversibile, fintanto che la personalità continua ad operare rispettando le limitazioni della propria forma.

Tuttavia, a livello della personalità non esiste un tale meccanismo che permetta di eliminare la trasferenza in modo irreversibile, perché la personalità umana è disegnata per l’autorità esterna e non quella interna. Ora, il fatto che non ci sia un tale meccanismo per la personalità ha sempre rappresentato un profondo handicap nella capacità degli esseri umani di sviluppare la propria saggezza individuale e non cadere vittima della vana sofferenza creata dalla fissità delle proprie “abitudini” mentali. Queste “abitudini” hanno dei nomi e rappresentano funzioni specifiche che predeterminano il modo in cui “vediamo” ed in cui “pensiamo”, e ciò che è meglio, possono essere descritte logicamente e strutturalmente.

Questo è esattamente ciò che intendo fare durante le due giornate di questo corso. Introdurrò l’infrastruttura della linea nel modo in cui opera attraverso la consapevolezza della personalità, in modo che ogni partecipante sia in grado di vedere come incastra in una delle dodici differenti possibilità. Decostruirò la consapevolezza della personalità nel suo binario interno/esterno, in ciò che è noto come “Motivazione” e “Prospettiva”, e mi focalizzerò anche in ciascuna delle diverse combinazioni tra le due che si possono venire a formare, lavorando con gli esempi dei partecipanti che sono interessati a che io lo faccia.

Decostruirò anche l’architettura tonale ed il modo in cui suddivide il potenziale della personalità umana in sei differenti cammini cognitivi per radicare le fondamenta concettuali attraverso cui cerchiamo di cogliere il valore essenziale di ciò che sperimentiamo nella nostra vita da svegli."
-Alokanand Diaz

Indice del corso

• I labirinti mentali della personalità umana.

• Vedere come fondamento per essere.

• Sei radici concettuali consce.

• Sei traiettorie cognitive.

• Motivazione e prospettiva.

• Dodici differenti combinazioni.

• Esempi

2 Giorni – 15 e 16 Agosto 2020 – 300€ (275€ EB) / 450€ con esempio individuale (400€ EB)

Per comprare il biglietto scrivere a office@yourownauthority.com

Scroll to top