Vivere con i Sentimenti: una guida sul campo al Plesso Solare

Articolo di Leela Swann-Herbert - Liberamente tradotto da Federico Lupica - Link originale

Plesso Solare

Vivere con i sentimenti può essere un dilemma per tutti noi - per chi ha il plesso solare definito come parte del proprio disegno, così come per quelli che hanno il plesso solare aperto.

Io sono una persona emozionale. Quando ha incontrato Human Design, avevo passato anni cercando di cambiare chi ero, di migliorarmi, di essere una persona più gradevole. La mia mente mi diceva che quello che dovevo fare, sopra ogni cosa, era smettere di essere così emotiva.

A quel tempo non avevo una reale percezione della mia onda emozionale. Avevo molti motivi per cui pensavo di sentire certe emozioni, ma non stavo in effetti sentendo le mie emozioni che cambiavano. Ero presa in un circolo vizioso in in cui davo la colpa agli altri, spiegavo loro il motivo per cui pensavo di sentirmi in quel modo, e poi dovevo avere a che fare con la reazione emozionale che mi tornava indietro. L'idea di fare delle emozioni la mia autorità per prendere decisioni era così lontana dalla mia esperienza che mi ci sono voluti diversi anni per abbracciare le mie emozioni, diventarne consapevole, e per trovare la chiarezza emozionale.

Negli ultimi 18 anni di sperimentazione con Human Design, ho scoperto alcune note pratiche che possono essere di aiuto per chi ha il plesso solare definito, e per chi scegliere di vivere con loro.

Per la persona con il plesso solare definito:

  1. Il corpo, non la mente, è la porta per sperimentare l' emozione. Impara a riconoscere il nervosismo nel corpo. Questa è la tua onda in movimento.
  2. Osserva quando la mente etichetta il nervosismo - e come trasforma questa etichetta in un problema o una ragione per questa emozione. La mente sta di fatto creando una storia riguardo al sentimento. Non c'è logica, ne ragionamento nel plesso solare - è chimica emozionale in movimento. Una persona emozionale può piangere portando fuori la spazzatura un giorno, e cantare di felicità portando fuori la spazzatura il giorno successivo. La spazzatura non è la ragione per il sentimento - semplicemente la chimica è in movimento nell’onda emozionale di questa persona.
  3. Quando devi prendere una decisione - dormici sopra. Questo comprende decisioni riguardo a inviare e-mail o messaggi, e anche per fare acquisti. Se quell'urgenza di inviare un messaggio, esprimere un'idea, acquistare un oggetto non c'è più il giorno successivo, allora non è per te. Assicurati di farti chiedere o invitare di nuovo, o di informare gli altri una seconda volta per qualunque cosa che coinvolga altre persone, luoghi o progetti: questo è il tuo modo per verificare se c'è ancora del nervosismo riguardo alla tua decisione. Se non c'è più nervosismo allora procedi. Ma se la verifica rivela un ulteriore nervosismo, allora hai bisogno di più tempo nella tua onda.
  4. Gli alti e bassi della tua onda sono solo per te. Quando noti il nervosismo che ti sovraccarica o che ti butta giù, quello è un segnale che ti dice che hai bisogno di tempo da sol@. Puoi osservare la tua esperienza dell'onda solo quando sei da sol@. Nel momento in cui c'è qualcun altro nella tua aura non sei più libero dal condizionamento personale.
  5. La chiarezza può essere percepita come 'nessun sentimento', perché è l'assenza di nervosismo. La chiarezza può dare una sensazione di neutrale equilibrio, come un senso di pace ed equanimità interiore. Quando sperimentiamo la chiarezza, non sentiamo eccitazione né paura. Può essere una sensazione ordinaria come camminare da una stanza a un'altra.
  6. Non sono i picchi emozionali l'obiettivo. La vita non si suppone che sia un'esperienza di picco emozionale dopo l'altra. La mente vorrebbe manipolare la tua vita in modo che non tu non scende mai nel basso della tua onda, e se sei già in basso vorrebbe riportarti di nuovo in alto. La vita emozionale è resiliente: se andava giù, tornerà su; se va su, ritornerà giù.
  7. Le onde emozionali basse non sono un problema da risolvere. Spesso temiamo che la parte bassa dell'onda non termini mai, e potremmo avere un' abitudine mentale di cercare di forzare l' esperienza dell' onda in modo che cambi: abitudini come il mangiare per confortarsi, L'uso di droghe, bere alcool, fare troppo esercizio sono tutti modi in cui gli esseri emozionali possono cercare di distrarsi dal sentirsi giù. La malinconia è un aspetto normale del vivere con i sentimenti. Esplora i tuoi momenti ‘giù’ da sol@ - trova spazio per esplorare il sentimento in modo creativo. Tutti gli esseri umani hanno un potenziale per cantare, danzare, scrivere poesia, dipingere, lavorare la creta, ecc. Non è questione di essere giudicati mentalmente come ‘bravi’ nell'espressione creativa; è questione della tua esperienza di auto-espressione creativa. La malinconia è la musa, la sorgente dell'ispirazione, che ti chiama.
  8. “Nessuna verità nell’adesso” indica il fatto che non puoi fare una istantanea dei tuoi sentimenti di adesso, e assumere che ti sentirai nello stesso modo riguardo qualcosa da un momento al successivo. Questo significa che l'intelligenza arriva nell'onda per te. Non una intelligenza mentale, ma delle informazioni non-lineari, non-verbali e sentite, che guidano la vita del corpo. Niente è spontaneo nella vita emozionale, e non ci sono risultati finali. È un'onda di dati che può essere osservata, ma non controllata, affrettata, o interpretata mentalmente.
  9. La consapevolezza emozionale conduce all'emergere della comunione. La potenziale espressione emozionale è la condivisione della tua consapevolezza attraverso il sentire. Altri possono essere in grado di sentire la tua consapevolezza emozionale, ma prima devi scoprirla dentro di te. Essere in comunione con la tua propria onda emozionale: è lì dove inizia la tua comunione con gli altri.

Per la persona con il plesso solare aperto:

  1. Non è “colpa tua”, anche se una persona emozionale ti dice che è così. Le emozioni del Plesso Solare non sono personali, non importa cosa ti sta dicendo o gridando dietro la persona emozionale. Anche se hai fatto entrare, e ti sei identificat@, con l’energia emozionale, non è personale.
  2. Non hai una maniera fissa di elaborare la chimica del Plesso Solare, ma piuttosto sperimenti percorsi ripetitivi quando sei condizionat@ dagli alti e bassi dell’onda emozionale di qualcuno: puoi sperimentare lacrime, un nodo in gola o il non riuscire a parlare, ti può mancare il fiato, male o tensione allo stomaco, o la tua digestione si può bloccare per un po’ di tempo.
  3. Puoi diventare consapevole attraverso la tua osservazione unica dell’onda emozionale dell’altro. Se si trovano nell’alto o nel basso dell’onda, lasciali per conto loro. Fagli sapere che hai bisogno di un po’ di spazio, che ritornerai, o che ti farà piacere proseguire la discussione più tardi, ma non adesso. Altrimenti è probabile che tu finisca in un litigio emozionale riguardo al fatto che te ne sei andat@, che non sei disponibile per l’altra persona, ecc. e poi in un litigio riguardo a quale che sia l'emozione che la mente dell’altro sta etichettando e convertendo in un problema.
  4. L’amplificazione avviene quando assorbi le emozioni degli altri, e poi esprimi quell’energia come se fosse tua, ma in maniera più forte - ciò che solitamente chiamiamo “fare una montagna di un granello di sabbia”. Questa esperienza di amplificazione è il modo in cui la tua mente cerca di riconoscere l’energia emozionale, ma non perché tu ti ci identifichi. Come un dito che punta, l’amplificazione ti spinge ad osservare la tua esperienza delle meccaniche, e ciò che stai imparando da esse; invece che a guardare ciò che la tua mente ti dice sia la causa.
  5. Riconosci le tue meccaniche di apertura in azione ed impara ad identificarle ed osservarle. Osserva ogni volta che incontri persone con il plesso solare definito. Qual’è la tua sensazione riguardo all’energia del 40-37? E quella del 59-6? Cosa impari riguardo a queste energie emozionali quando le incontri? Un’altra opportunità per comprendere come elabori l’energia emozionale è attraverso le ‘porte dormienti’, porte che sono da sole in un canale ed aperte all’influenza della porta (armonica) all’altra estremità del canale stesso.  Queste porte dormienti sono dei puntatori ad energie specifiche che siamo qui tutti per imparare a conoscere. Le porte dormienti nel Plesso Solare aperto, o in canali che si connettono al Plesso Solare ti offrono opportunità per imparare in che modo incontri specifiche energie emozionali attraverso le persone o i transiti.
  6. Ricorda che c’è intelligenza che arriva nell’onda degli individui Emozionali, ma è non-lineare, è non-verbale, e ha bisogno di tempo per emergere. Non c’è verità nell’adesso per loro in quanto ci vuole tempo per raggiungere un senso di chiarezza. Quando gli individui emozionali sperimentano quest’onda, potrebbero non essere in grado di comunicare ciò che sentono.
  7. La persona con il Plesso Solare definito non è spontanea. Se hai un disegno spontaneo, beh benissimo, ma non aspettarti che la persona emozionale abbia i tuoi tempi. Possono aver bisogno di molto tempo: tempo per arrivare alla chiarezza in merito ad una decisione, o tempo per uscire di casa, ovvero tempo per distogliersi da quello che stanno facendo. Non aspettarti che mollino tutto subito e vengano.
  8. La persona Emozionale non ha bisogno di una montagna di domande riguardo al prendere una data decisione. Una domanda, un invito, o una opportunità di informare è tutto quello che gli serve per mettere in moto l’onda. Come un sassolino gettato in uno stagno, li condurrà attraverso la loro onda. Troppe domande creano molte onde. Una volta che la persona Emozionale ha raggiunto la chiarezza, ha bisogno che gli venga chiesto di nuovo, o di venire invitata di nuovo, o di avere tempo per informare di nuovo per verificare che non ci sia nervosismo residuo in merito alla propria decisione.
  9. ‘Non stuzzicare l’orso’. Non c’è bisogno di evitare il confronto e la verità, tuttavia il tempismo è tutto. Aspetta che la persona Emozionale sia tornata ‘neutra’ prima di cercare di discutere di qualcosa. Assicurati di non avere in te ancora una carica residua della loro chimica emozionale.
  10. Il Plesso Solare definito sta portando il potenziale umano per la autentica comunione. E la maggior parte degli esseri umani non sono  in comunione a livello emozionale, almeno finora. La maggior parte di noi comunica mentalmente, e ciò è diverso dalla comunione. Per voi che avete un Plesso Solare aperto, l’esperienza della comunione comincia dalla vostra consapevolezza della frequenza unica del vostro corpo, scoprire cosa siete voi e accettare quello che non siete voi. Dal  riconoscimento individuale di noi stessi, c’è il potenziale per condividere ciò che non è verbale, non è fisico né mentale, una comunione di spirito.

2019© Jovian Archive Corporation - © per l’Italia Human Design Italia

Scroll to top